Qualche riflessione sulle balle online (fake news)

By | gennaio 9, 2017

Qualche riflessione sulle balle online (fake news)

Luca Sofri, che di “notizie che non lo erano” è un esperto (se ne occupa da anni con costanza) ha scritto un bel pezzo, un po’ lungo, che vale la pena di leggere.

Luca de Biase ha scritto un commento ragionato al bel pezzo di Juan Carlos de Martin su Repubblica.

Juan Carlos vede come passi verso una soluzione: l’educazione dei lettori, la professionalizzazione degli editori (trovando un modo di sostenerli economicamente), la disponibilità di strumenti per i lettori per avere punti di vista plurali.

Luca conclude che bisogna fare buon giornalismo ..”E dunque: metodo, interfaccia e modello di business, devono essere orientati al servizio del pubblico che legge e paga per leggere in base a criteri di qualità”

Evgeny Morozov conclude che il problema sono le multinazionali del web e che bisogna rendere l’economia dei clic meno centrale nella nostra vita e delegare le decisioni ai cittadini, piuttosto che ad aziende veniali ed esperti facilmente corruttibili.

Che una azienda sia veniale è praticamente un’assioma. Sono le regole che orientano i comportamenti delle aziende per produrre effetti positivi mitigando le esternalità negative. Ed il compito della politica è fare queste norme per tendere ad un obiettivo socialmente desiderabile.

La sfiducia negli esperti e l’idea dell’uomo qualunque in grado di decidere meglio di loro è stata anche l’oggetto di una vignetta ironica sul New Yorker (fonte)

Vignetta New Yorker
A questa vignetta manca solo, in mano al proponente, la pagina di Wikipedia “Come si pilota un aereo”… Completerebbe l’idea che chiunque, documentandosi un po’ online, possa fare qualunque lavoro, che l’esperienza non sia un valore e che anzi, sia indice di probabile corruzione.

tra parentesi..

Qualche giorno fa il ministro Calenda è stato criticato per avere scelto la società di consulenza BCG (una delle migliori, IMHO) per assisterlo nella predisposizione della strategia energetica nazionale. Certamente BCG lavora con grandi aziende nazionali ed estere. Questo non è visto come merito, ma come demerito. Sarebbe stato meglio farsi affiancare da qualcuno inesperto ? che so, da imprenditori caseari ?

Pertinente la chiosa della studentessa Natalia Panchieri su twitter:

Ministro dovrebbe chiedere a giuria popolare scelta a caso. Sicuramente avrebbe un piano energetico di successo…
— nataliapanchieri(@natipanchie) 6 gennaio 2017

(e poi, anche fosse,… se è vero che molte informazioni sono false, i cittadini non sarebbero fuorviati nei loro giudizi ? casomai è un argomento a favore degli esperti!)

Dovremmo chiedere che siano *sempre* esperti e poi avere dei media che facciano informazione equilibrata e della vigilanza che controlli e sanzioni. 

E’ anche frutto dell’amplificazione della circolazione di notizie (spesso false, esagerate o fuorvianti) se molti maturano l’idea di un diffuso fallimento della vigilanza (che talvolta fallisce), e ritengono che quindi sia preferibile una generale, candida (presuntamente), inesperienza.

Ma torniamo alle proposte che mi pare possano essere riassumibili così:

  • educazione dei lettori
  • disponibilità di strumenti per avere punti di vista plurali
  • metodo, interfaccia e modello di business orientati al servizio del pubblico che legge e paga
  • la professionalizzazione degli editori (trovando un modo di sostenerli economicamente),
  • rendere l’economia dei clic meno centrale

Educazione dei lettori – direi degli internauti – è cosa che certamente va fatta. Sono d’accordissimo, dobbiamo riconoscere che ha tempi lunghi.

Scrivevo su Media 2000 tre anni fa

Assioma: internet c’è e ci sarà. E allora come inventiamo la scuola, dato che internet c’è e ci sarà? …
Una prima conseguenza che dovremmo trarre è che possiamo verificare tutto e quindi possiamo, e in alcuni casi dobbiamo, verificare tutto. Dobbiamo insegnare ai ragazzi ad essere curiosi, a verificare, non a pensare per sentito dire. “lo pensi o lo sai ?” è uno dei miei refrain preferiti.
Una seconda conseguenza che dovremmo trarre è che dovremmo insegnare ai ragazzi a cercare efficacemente districandosi tra miliardi di fonti, a valutarle, a separare la farina dalla crusca…
Perché non si può dare alle chiacchiere da bar lo stesso peso di una conversazione scientifica. Come non diamo al tabloid di second’ordine lo stesso peso che diamo a pubblicazioni scientifiche peer-reviewed..
…penso che questa sia la linea giusta (che poi è quella che propone il Centro Studi Impara Digitale).

Proseguiamo.. Nell’editoria cartacea l’editore produceva informazione e la consegnava impacchettata al lettore. Oggi, online, produttore dell’informazione e mezzo di presentazione al lettore sono separati.

Offrire punti di vista plurali è quindi un compito, a mio avviso, dell’aggregatore. Di chi presenta l’informazione al lettore, non del produttore dell’informazione. In questo post io non offro punti di vista plurali. La mia è una opinione ed è la mia_opinione.

E talvolta è sbagliato offrire punti  di vista alternativi. In passato Piero Angela si rifiutò di offire un punto di vista alternativo “omeopatico” perché privo di valenza scientifica. Fu denunciato da omeopati ed infine assolto nel processo che ne seguì.

I tre ultimi punti ruotano attorno al sostegno economico.

Esiste certamente una quota di lettori online che legge e paga, ma i contenuti fruiti online a pagamento sono quantitativamente assai assai assai minoritari rispetto ai contenuti non pagati (ricordo tutto il lavoro che abbiamo fatto su questo tema con Chiariglione in DMIN.it. Ahimè fallimmo a convincere gli editori…). Non è sufficiente per reggerci una industria. (per chi vuole approfondire).

I ricavi pubblicitari online sono in spirale negativa per gli editori. Mi accorgo di non avere scritto nulla sul blog riguardo gli effetti del Real Time Bidding e Programmatic. In sostanza, per ogni euro investito dall’azienda che vuole promuoversi, la quota che arriva all’editore si sta sempre piu’ riducendo, mentre aumenta il numero di intermediari “tecnologici”.

Scrivo in “Costruire il Domani”:

Grazie alla rete sempre connessa e alla grande quantità di dati archiviati ed elaborati in tempo reale, il valore aggiunto per l’inserzionista, della relazione editore-pubblico uscirà dal perimetro dell’editore e verrà catturato da nuove categorie di soggetti, intermediari tecnologici operanti su scala globale.

Questa è la radice del clickbaiting ovvero degli articoli che sono “esche” (bait) per clic dei lettori. Articoli che càpita siano falsi o fuorvianti ma che servono ad attirare l’attenzione del lettore e guadagnare così qualche centesimo di euro in pubblicità.

E’ questo che porta alla prevalenza di ciò che interessa il lettore rispetto a ciò che è corretto.

Siamo disposti a perdere delle quote di ricavi a vantaggio di una maggiore qualità ? (e chi decide la “qualità” ?).

Scrive La Stampa:

La nuova Rai è un flop quasi totale. Crollano decine di programmi
Nella giornata media l’azienda pubblica ha perso il 2,04 di share, superata da Mediaset a più 1,29. Reggono solo le fiction dell’era pre Campo Dall’Orto

Torniamo alla domanda iniziale: come fare per migliorare l’informazione ?

Una speranza è trovare un modo di generare altre risorse per dipendere meno dai clic.

Ma lo dovrebbero adottare tutti!

Il punto non è *solo* sostenere chi genera contenuti di qualità, ma soprattutto fare sì che si riduca la diffusione di balle generate da chiunque. (salvaguardando nel contempo la libertà di espressione!)

Perchè ci sarà sempre qualcuno che trova vantaggioso ridurre il costo di produzione dei contenuti (ad esempio generando automaticamente clickbait).

Anche trovando il modo di rendere l’economia dei clic meno centrale, trovando una alternativa per gli editori, ci sarà sempre qualcuno per cui quell’economia va più che bene ! E continuerà a produrre clickbait!

Allora, se è vero che online produzione e diffusione sono sostanzialmente separate e che chiunque deve poter esprimersi – e chiunque può farlo  anche generando automaticamente clickbait – è sui meccanismi di diffusione che a mio avviso bisogna lavorare. E quindi trovare forme di intervento che non possono non coinvolgere motori di ricerca e social network.

In dettaglio, non sono in grado di proporre una soluzione ma sono moderatamente convinto che la cosa passi (come suggerisce Juan Carlos) da strumenti a disposizione dei lettori ed anche da analisi di algoritmi e dati, qualche modifica agli algoritmi, magari supportata da qualche forma di autoregolamentazione e qualche meccanismo di responsabilizzazione diverso dagli attuali.

The post Qualche riflessione sulle balle online (fake news) appeared first on Quinta’s weblog.

Source: Stefano quintarelli- Blog

25 thoughts on “Qualche riflessione sulle balle online (fake news)

  1. find here

    I simply want to say I am just newbie to blogging and site-building and definitely enjoyed you’re blog. More than likely I’m going to bookmark your blog post . You definitely have good writings. Many thanks for sharing with us your web-site.

    Reply
  2. Faytech North America Touch Screen Monitors

    Faytech North America is a touch screen Manufacturer of both monitors and pcs. They specialize in the design, development, manufacturing and marketing of Capacitive touch screen, Resistive touch screen, Industrial touch screen, IP65 touch screen, touchscreen monitors and integrated touchscreen PCs. Contact them at http://www.faytech.us, 121 Varick Street, New York, NY 10013, +1 646 205 3214

    Reply
  3. Metroclick TouchScreen Kiosks

    MetroClick specializes in building completely interactive products like Photo Booth for rental or sale, Touch Screen Kiosks, Large Touch Screen Displays , Monitors, Digital Signages and experiences. With our own hardware production facility and in-house software development teams, we are able to achieve the highest level of customization and versatility for Photo Booths, Touch Screen Kiosks, Touch Screen Monitors and Digital Signage. Visit MetroClick at http://www.metroclick.com/ or , 121 Varick St, New York, NY 10013, +1 646-843-0888

    Reply
  4. relationship advice

    Great post and straight to the point. I am not sure if this is actually the best place to ask but do you guys have any thoughts on where to employ some professional writers? Thx 🙂

    Reply
  5. job search

    Hey There. I found your blog using msn. This is a really well written article. I’ll be sure to bookmark it and return to read more of your useful information. Thanks for the post. I’ll certainly return.

    Reply
  6. toptechjobs.net

    fantastic points altogether, you simply won a new reader. What may you suggest in regards to your publish that you just made some days ago? Any certain?

    Reply
  7. https://www.4youhotels.com

    hey there and thank you for your info – I have definitely picked up something new from right here. I did however expertise a few technical issues using this site, as I experienced to reload the website lots of times previous to I could get it to load correctly. I had been wondering if your web host is OK? Not that I am complaining, but sluggish loading instances times will sometimes affect your placement in google and can damage your quality score if ads and marketing with Adwords. Well I am adding this RSS to my email and can look out for a lot more of your respective intriguing content. Make sure you update this again soon..

    Reply
  8. house search

    It’s the best time to make some plans for the future and it is time to be happy. I have read this post and if I could I desire to suggest you some interesting things or suggestions. Maybe you can write next articles referring to this article. I want to read more things about it!

    Reply
  9. Career And Jobs

    you’re actually a just right webmaster. The website loading velocity is incredible. It seems that you are doing any distinctive trick. In addition, The contents are masterwork. you have done a fantastic task in this matter!

    Reply
  10. women's health

    I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for great info I was looking for this information for my mission.

    Reply
  11. House & Home Improvement

    Thanks for any other informative site. Where else may just I am getting that kind of information written in such an ideal manner? I’ve a undertaking that I am just now running on, and I’ve been at the glance out for such info.

    Reply
  12. Lucas Beza

    hello!,I like your writing very much! share we communicate more about your post on AOL? I require a specialist on this area to solve my problem. May be that’s you! Looking forward to see you.

    Reply
  13. Computer & Technology

    I like what you guys are up also. Such clever work and reporting! Keep up the excellent works guys I have incorporated you guys to my blogroll. I think it will improve the value of my web site 🙂

    Reply
  14. House & Home Improvement

    Thank you a lot for sharing this with all of us you actually understand what you’re speaking approximately! Bookmarked. Please also talk over with my web site =). We can have a hyperlink trade agreement between us!

    Reply
  15. Travel & Leisure

    I like what you guys are up too. Such clever work and reporting! Keep up the superb works guys I¡¦ve incorporated you guys to my blogroll. I think it’ll improve the value of my site 🙂

    Reply
  16. Baby & Parenting

    I definitely wanted to jot down a comment so as to appreciate you for some of the precious advice you are giving at this site. My extended internet investigation has finally been recognized with wonderful concept to talk about with my family and friends. I ‘d say that most of us visitors are definitely lucky to exist in a fine place with many outstanding people with good tips. I feel truly grateful to have encountered the web site and look forward to some more awesome minutes reading here. Thanks again for a lot of things.

    Reply
  17. play games

    Wow! This could be one particular of the most beneficial blogs We’ve ever arrive across on this subject. Basically Magnificent. I’m also an expert in this topic so I can understand your effort.

    Reply
  18. Healthy

    My wife and i were very excited that Jordan managed to round up his reports through the precious recommendations he discovered from your own blog. It’s not at all simplistic to simply always be giving freely helpful tips that many the others could have been selling. And now we discover we’ve got the website owner to appreciate for this. The most important illustrations you have made, the easy blog menu, the friendships you can aid to promote – it’s mostly extraordinary, and it’s really facilitating our son in addition to the family understand this matter is fun, and that is wonderfully important. Thanks for all the pieces!

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *