Gozi: “Vogliamo cambiare l’Europa M5S sostenga i nostri sforzi”

By | gennaio 10, 2017

Gozi: “Vogliamo cambiare l’Europa M5S sostenga i nostri sforzi”
STEFANO CAROFEI / Imagoeconomica

«Sono mesi che chiediamo all’Europa una svolta, un cambio di passo. Mesi che diciamo basta egoismi, basta muri. Mesi che denunciamo una insopportabile inerzia. È così: l’Unione è stata impotente, ferma. Quasi incapace anche di immaginare risposte vere alle paure dei cittadini, di limitare la minaccia del terrorismo, di governare l’emergenza immigrazione, di ridare forza a un’economia piegata…». Sandro Gozi parte da lontano per ragionare sulla scelta di Beppe Grillo. Da una riflessione su un’«Unione piegata, ferita, lacerata dai fili spinati che sono un virus mortale». Ma anche dall’«amore» per l’Europa, dal dovere di credere all’Europa, dalla «scelta irreversibile» per l’Europa. L’aereo diretto a Parigi sta per partire e l’accordo tra M5S e Alde sta per naufragare. Il sottosegretario per gli Affari europei capisce che la rottura è cosa fatta e ragiona ad alta voce. «Capisco la diffidenza di Alde, è comprensibile. Ma la scelta di Grillo indica che c’è una forza politica che ieri gridava contro la Ue e che invece, oggi, voleva allearsi con la forza più federalista del Parlamento europeo. E allora lo aspettiamo sulla via del federalismo e dell’euro».
 
Alde chiude le porte a M5S e lei gliele apre?
 
«Voglio prendere in parola l’annunciata metamorfosi di Grillo. Conosco bene Alde. Sono stato tra i fondatori con Prodi, Rutelli e Bayrou. È una forza che ha sempre scommesso sul federalismo europeo, sull’euro, sull’integrazione. Grillo voleva entrarci, la sua base ha votato in massa a favore. È comunque una magnifica notizia. Ora immagino che questa posizione valga a prescindere dal no dei liberaldemocratici. Ora mi aspetto che Grillo sostenga comunque gli sforzi del governo italiano per cambiare questa Europa e costruirne una nuova, grande, bella. Capace di coniugare parole come solidarietà. E di cancellarne altre come egoismo».
 
Ci crede?
 
«A Grillo dico: «Pensi ai nostri giovani. Pensi come l’Europa possa diventare un’opportunità anche per loro». Non vale la pena impegnarsi solo per staccare un piccolo dividendo politico scegliendo un populismo distruttivo capace di dire solo e sempre no».
 
Immagina un tavolo di lavoro con Grillo?
 
«Nessun tavolo. Dico semplicemente che tutte le forze politiche devono chiarire la loro linea sull’Europa. Bisogna eliminare le zone grigie, le ambiguità. I Cinque Stelle hanno davvero rinunciato a picchiare contro l’Unione e sono pronti a unirsi agli sforzi del governo per cambiarla? Noi siamo determinati a pretendere dalla Ue risposte efficaci.Vogliamo iniziative per la crescita, vogliamo una difesa europea, vogliamo una ricerca europea.. Scelte chiare sono la miglior risposta ai populismi che si nutrono di inerzia e di incapacità politica».
 
Qual è il piano?
 
«Il piano è far cadere il velo della propaganda e inchiodare Cinque Stelle (e anche la Lega) alla verità. Basta speculazioni, discutiamo apertamente su quale debba essere il messaggio italiano all’Europa. Il 25 marzo la commemorazione dei Trattati di Roma può essere l’occasione per dare una spinta importante. Magari unendo sfide sui grandi temi a impegni quasi simbolici».
 
A che cosa pensa?
 
«Penso a un vero potenziamento del progetto Erasmus di cui proprio quest’anno celebriamo i trent’anni. Possiamo chiedere insieme che nel bilancio 2020-2026 le risorse stanziate per il progetto passino da 2 a 20 miliardi. E che, parallelamente, possa moltiplicarsi il numero di studenti coinvolti. Oggi l’Italia ne manda in Europa 30mila ogni anno; dobbiamo moltiplicare per dieci anche quel numero. obiettivo è 300mila giovani italiani coinvolti ogni anno nel progetto Erasmus. È un obiettivo bello per qualsiasi forza politica. Anche per M5S e per la Lega».
 
Perché?
 
«Perché significa dare spazio a una grande pagina della storia dell’Europa. Più opportunità, più cultura, più lingue, più formazione, più visione. Se l’Europa sarà così verrà apprezzata e capita. Ma serve un altro passaggio: Erasmus non dovrà più essere un programma solo per chi se lo può permettere. Bisogna fare arrivare in Europa anche quel pezzo di Paese meno fortunato dove spesso si annida euroscetticismo ed eurodelusione».
 
Sembra un nuovo messaggio all’elettorato della Lega e del M5S.
 
«Insisto: Erasmus è il migliore antidoto contro il ritorno di razzismo, xenofobia, muri, pregiudizi. Ma non basta un progetto, serve una nuova visione. Una nuova solidarietà. E un nuovo impegno per correggere gli errori del passato. La linea dell’austerità, dei compiti a casa, del «diamo una lezione ai greci fannulloni» ha aperto le autostrade alle forze populiste. Ora però vogliamo e possiamo cambiare. E ricordare i Trattati di Roma può essere l’occasione per battere un primo colpo».

L’articolo Gozi: “Vogliamo cambiare l’Europa M5S sostenga i nostri sforzi” proviene da Partito Democratico.

Source: Partito Democratico

8 thoughts on “Gozi: “Vogliamo cambiare l’Europa M5S sostenga i nostri sforzi”

  1. content

    I just want to tell you that I am just very new to blogging and site-building and truly enjoyed you’re web-site. Probably I’m likely to bookmark your site . You surely come with beneficial articles and reviews. Many thanks for sharing your blog.

    Reply
  2. viagra

    I want to create a custom WordPress theme, but I don’t have administrative access to the computer that I’m using, so I can’t install WordPress to test my theme. Is there another easy way to do it? I have photoshop, and notepad ++ both installed on my flash drive, but as far as I know there is no way to install WordPress on a flash drive..

    Reply
  3. John Deere Service Manuals

    After study many of the blog posts for your site now, and I really like your means of blogging. I bookmarked it to my bookmark web site list and are checking back soon. Pls look at my web site also and let me know how you feel.

    Reply
  4. Travel & leisure

    I was suggested this web site by my cousin. I am not sure whether this post is written by him as no one else know such detailed about my trouble. You’re amazing! Thanks!

    Reply
  5. Faytech North America PC

    Faytech North America is a touch screen Manufacturer of both monitors and pcs. They specialize in the design, development, manufacturing and marketing of Capacitive touch screen, Resistive touch screen, Industrial touch screen, IP65 touch screen, touchscreen monitors and integrated touchscreen PCs. Contact them at http://www.faytech.us, 121 Varick Street, New York, NY 10013, +1 646 205 3214

    Reply
  6. Metroclick Interactive Monitors

    MetroClick specializes in building completely interactive products like Photo Booth for rental or sale, Touch Screen Kiosks, Large Touch Screen Displays , Monitors, Digital Signages and experiences. With our own hardware production facility and in-house software development teams, we are able to achieve the highest level of customization and versatility for Photo Booths, Touch Screen Kiosks, Touch Screen Monitors and Digital Signage. Visit MetroClick at http://www.metroclick.com/ or , 121 Varick St, New York, NY 10013, +1 646-843-0888

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *