Il “salva-Raggi” e il doppiopesismo a Cinquestelle

By | gennaio 11, 2017

Il “salva-Raggi” e il doppiopesismo a Cinquestelle

E da Grillo arriva il “salva-Raggi”…
Non che la cosa ci sorprenda, perché siamo abituati al doppiopesismo a Cinquestelle. Ma oggi arriva ufficialmente il codice etico “anti-avvisodigaranzia-alla-raggi”, con il quale anche M5S entra, guarda un po’, nel magico mondo del garantismo.

Meglio tardi che mai.
I principi del codice sono in parte condivisibili: da sempre penso che gli automatismi siano sbagliati: condannare un politico per un avviso di garanzia è folle, ma è altrettanto sbagliato usare la presunzione di colpevolezza fino a condanna definitiva come scusa per non intervenire in casi gravissimi. Sono i partiti che devono assumersi la responsabilità di valutare la rilevanza delle condotte penali. Peccato che per i grillini gli altri siano sempre tutti colpevoli…

Ci sono però alcuni passaggi del codice che denotano la natura totalmente autoritaria e non trasparente del movimento.

Di fatto, decide tutto una sola persona: Grillo. E chi riceve un avviso di garanzia deve inviare una comunicazione agli amministratori del sito (!) usando un link senza nome (movimento5stelle.it/contattaci.php) e quindi di fatto mettendo informazioni riservate delicatissime nelle mani di persone di cui non conosce neppure l’identità.

Non c’è nulla da fare, un metodo davvero democratico non riescono proprio ad assimilarlo…

L’articolo Il “salva-Raggi” e il doppiopesismo a Cinquestelle sembra essere il primo su Andrea Mazziotti.

Source: Andrea Mazziotti di Celso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *