Ricchiuti ricorda nell’Aula del Senato Tullio De Mauro

By | gennaio 11, 2017

Ricchiuti ricorda nell’Aula del Senato Tullio De Mauro

Signor Presidente e onorevoli colleghi,

lo scorso 5 gennaio 2017, si è spento – per molti aspetti in modo improvviso – Tullio De Mauro.

Penso sia importante ricordarlo anche in quest’Assemblea dopo che in modo ampio e informato è stato ricordato pubblicamente, anche sulla stampa, da Giuliano Amato (che lo volle ministro nel suo ultimo governo), Alberto Asor Rosa, Francesco Erbani, Paolo di Paolo e tanti altri.

I motivi per cui penso sia essenziale tener sempre presente il contributo di De Mauro sono due, per me che sono figlia di immigrati del Meridione, venuti a cercare una vita migliore nella grande periferia di Milano.

Anzitutto, De Mauro ci ha spiegato che la lingua è un luogo.

La lingua, i suoi linguaggi, le sue parole, i suoi lessici sono una grande piazza alla quale si accede e dove si abita. Chi non sa parlare, non sa farsi capire e non capisce e quindi non ha accesso.

Non ha accesso ai diritti, non ha accesso alle opportunità, non ha accesso all’emancipazione. Quindi la lingua è un fattore di sviluppo e di uguaglianza. C’è un nesso stretto tra lingua, istruzione e democrazia.

In questo primo insegnamento, peraltro, De Mauro ci ha mostrato la sua passione per la conoscenza dei dialetti, per i modi di dire, per i neologismi. Egli svecchiò – anzi forse fondò – la linguistica italiana ma ne fece una scienza sociale, che esigeva il possesso dei tecnicismi ma poi andava oltre, cercando profondità storica e proiezione futura.

Non c’è bisogno qui di ricordare le sue due Storie linguistiche, quella “dell’Italia unita” del 1963, e quella “dell’Italia repubblicana”, una cui seconda edizione è del 2015.

Insomma, per De Mauro la lingua italiana è proprio un posto bellissimo, in cui possono abitare le città e le campagne, i centri e le periferie, i giovani e i meno giovani.

L’altro motivo per cui ricordo De Mauro è collegato al primo e ha un connotato eminentemente politico: la lingua – che è un fattore di sviluppo e di emancipazione – deve quindi contare su una scuola efficace, ricca e stimolante.

La sua ultima battaglia – quella sull’analfabetismo di ritorno – nasceva dalla riflessione che la scuola deve insegnare a imparare, a interessarsi sempre di tutto, al gusto della lettura.

De Mauro era anche molto ironico, ma la sua ironia era sempre mirata a smontare i luoghi comuni: diceva che leggere è un piacere solo per pochi, più spesso è una fatica, un’operazione intellettuale complessa.

Allora ecco che la scuola è un momento fondamentale per l’individuo ma anche per la collettività. La lingua e la cultura sono profili politici. De Mauro spiegava che se – viceversa – dalle conoscenze e dalle capacità acquisite a scuola si regredisce invece di avanzare, ci si perde e si smarrisce la strada per quella piazza così bella che è la nostra lingua.

Quella stessa lingua in cui è scritta la Costituzione. In un’introduzione a una pubblicazione della nostra Carta costituzionale, dell’UTET del 2006, De Mauro esaltava “l’italiano degli italiani”, la lingua chiara e profonda in cui sono scolpiti i nostri diritti e i nostri doveri e dove la dignità della persona è così ben rappresentata.

Grazie.

Ricchiuti ricorda nell’Aula del Senato Tullio De Mauro su Senatori PD.

Source: Senatori PD

3 thoughts on “Ricchiuti ricorda nell’Aula del Senato Tullio De Mauro

  1. you could check here

    I simply want to mention I’m very new to blogging and absolutely savored this blog. More than likely I’m likely to bookmark your blog . You amazingly have good writings. Cheers for sharing your webpage.

    Reply
  2. Metroclick Touch screen and monitors

    MetroClick specializes in building completely interactive products like Photo Booth for rental or sale, Touch Screen Kiosks, Large Touch Screen Displays , Monitors, Digital Signages and experiences. With our own hardware production facility and in-house software development teams, we are able to achieve the highest level of customization and versatility for Photo Booths, Touch Screen Kiosks, Touch Screen Monitors and Digital Signage. Visit MetroClick at http://www.metroclick.com/ or , 121 Varick St, New York, NY 10013, +1 646-843-0888

    Reply
  3. Faytech North America PC

    Faytech North America is a touch screen Manufacturer of both monitors and pcs. They specialize in the design, development, manufacturing and marketing of Capacitive touch screen, Resistive touch screen, Industrial touch screen, IP65 touch screen, touchscreen monitors and integrated touchscreen PCs. Contact them at http://www.faytech.us, 121 Varick Street, New York, NY 10013, +1 646 205 3214

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *