20 miliardi per le banche, 1 per i poveri #GentiloniNonMiFreghi

By | marzo 10, 2017

20 miliardi per le banche, 1 per i poveri #GentiloniNonMiFreghi

https://www.facebook.com/plugins/video.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FLuigiDiMaio%2Fvideos%2F1285815091455034%2F&show_text=0&width=560

di MoVimento 5 Stelle

Il ddl povertà approvato ieri in Senato dalla maggioranza è una presa in giro colossale, che non a caso arriva alla fine della legislatura. Il Governo Gentiloni tenta di salvare la faccia con un bluff, inseguendo il reddito di cittadinanza del M5S. Il risultato è un obbrobrio: una rivisitazione della social card di Berlusconi e niente più. Vengono stanziate risorse insufficienti fregandosene di milioni di italiani in difficoltà. La povertà non si combatte con l’elemosina, ma con un piano che al sostegno al reddito affianchi il reinserimento lavorativo. Il nostro reddito di cittadinanza prevede 15 miliardi di euro per aiutare i nuclei famigliari in difficoltà e 2 miliardi per rilanciare i centri per l’impiego. Reddito e lavoro.

C’è anche la truffa. Il ddl povertà è una legge delega: quindi in realtà nonostante i titoli dei giornali nulla è stato fatto! Ci saranno effetti reali solo con i successivi decreti legislativi se ci saranno. Ad oggi è un annuncio, un provvedimento in bianco che non dice nulla. Sappiamo solo una cosa: le risorse stanziate non bastano. Eppure i soldi ci sono. Gentiloni come primo atto ha creato 20 miliardi di nuovo debito a favore delle banche (compresa quella del Pd). E ora ne mette uno per i poveri perchè non ci sono i soldi? A chi vuol darla a bere?

Secondo le prime indiscrezioni, a beneficiare del miliardo stanziato dal Governo sarebbero soltanto alcune famiglie con figli minori o quelle con un membro under 55, escludendo così i pensionati e i giovani. Eppure più di 1 milione e mezzo di pensionati percepiscono una pensione inferiore a 500 euro al mese, negli ultimi anni 400 mila pensionati hanno abbandonano il nostro Paese per andare all’estero a cercare una vita dignitosa, la disoccupazione giovanile è intorno al 40% (in alcune regioni del Sud addirittura si avvicina al 60%), oltre 100 mila persone, soprattutto giovani, abbandonano ogni anno il nostro Paese.

Se oggi si parla di contrasto alla povertà è solo grazie alla battaglia portata avanti dal MoVimento 5 Stelle che ha sempre detto che NESSUNO DEVE RIMANERE INDIETRO. La soluzione però non è quella dell’elemosina a fini elettorali e propagandistici. La soluzione è il reddito di cittadinanza, primo e principale pilastro del nostro programma di governo. Un reddito che al sostegno affiancherà risorse per riavviare al lavoro i disoccupati, nell’ottica di un grande piano di rilancio economico e industriale. Tutto il resto sono elemosine elettorali. #GentiloniNonMiFreghi

Leggi e commenta il post su www.beppegrillo.it

Source: Beppegrillo

30 thoughts on “20 miliardi per le banche, 1 per i poveri #GentiloniNonMiFreghi

  1. barcelona tröja

    I enjoy what you guys tend to be up too. This kind of
    clever work and reporting! Keep up the wonderful works guys I’ve included you guys to my personal blogroll.

    barcelona tröja

    Reply
  2. everton fodboldtrøjer

    I think the admin of this site is actually working hard for his web site, for the reason that
    here every stuff is quality based information.

    everton fodboldtrøjer

    Reply
  3. Ellmeen

    Cephalexin Product Information [url=http://tadalaffbuy.com]cialis without a doctor’s prescription[/url] Le Cialis Generique

    Reply
  4. streaming movies

    Juѕt wish to saү yoᥙr article iis as surpriѕing.Tһe clearness in yⲟur post is just greаt and i could assume you’гe an еxpert on this subject.
    Fine with your permissіon alloԝ me to grab your RSS feed to keep updated witһ
    fortһcoming pоst. Thanks a millіon and please continue ttһe enjoyаble work. https://hddvdfreak.com/now-playing-movies/

    Reply
  5. klik disini

    Haveе you ever considered creаting аn ebook
    oor guest аuthoring on other sites? I have a blog centered on the
    same іdeaѕ you dіscuss and would love to һavе yoս share some stories/information. I know mү audience ԝould ѵalue youur woгk.
    If you’re even remotеly interested, feel free to shoot me
    aan e-mail. https://naga188.com/

    Reply
  6. online HTML editor

    I would like to thank you for the efforts you have put in writing this site.
    I’m hoping to view the same high-grade content from you in the future as well.
    In fact, your creative writing abilities has inspired me to get my own, personal site
    now 😉

    Reply
  7. HTML editor

    Write more, thats all I have to say. Literally, it seems as
    though you relied on the video to make your point. You
    clearly know what youre talking about, why throw away your
    intelligence on just posting videos to your site when you
    could be giving us something informative to read?

    Reply
  8. live chat

    Quality posts is the secret to invite the viewers to go to see the site, that’s what this website is providing.

    Reply
  9. Jeroldfooca

    [url=http://cialisonlineinfo.com]cialis online with paypal[/url] buy cialis online 2017
    [url=http://canadianpharmacyxx.com]canada pharmacy job[/url] canadian pharmacy qualifying exam

    Reply
  10. Jeroldfooca

    [url=http://canadianpharmacybf.com]canadian pharmacy online[/url] pharma companies
    [url=http://canadianpharmacyjh.com]canadian pharmacy gaviscon advance[/url] canadian pharmacy residency programs

    Reply
  11. Jeroldfooca

    [url=http://cialispp.com]cialis online prodaja[/url] cialis jaw pain
    [url=http://viagradt.com]generic viagra[/url] generic viagra $2

    Reply
  12. Jeroldfooca

    [url=http://canadianpharmacynt.com]canadian pharmacy online[/url] canadian pharmacy fined $34 million
    [url=http://canadianpharmacybf.com]canadian pharmacy for restasis[/url] canadian-pharmacy-24h.com review

    Reply
  13. Jeroldfooca

    [url=http://cialispk.com]cialis online[/url] cialis tabletes kaina
    [url=http://viagramy.com]viagra online suisse[/url] viagra online polska

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *