Rossomando: “Vincitori paralizzati dai loro veti incrociati, il PD torni nel dibattito”

By | aprile 17, 2018

Rossomando: “Vincitori paralizzati dai loro veti incrociati, il PD torni nel dibattito”

Anna Rossomando, piemontese, avvocato, area PD Orlando, vicepresidente del Senato.

La crisi di governo è in stallo.

«E assente la politica e se ne esce con la politica. I vincitori alle elezioni parlano solo di alleanze e non di programmi. Sono paralizzati dai loro veti incrociati. Parlare di due forni, come fa Di Maio, e dire che è indifferente con quale forno trattare è inaccettabile. I nostri programmi, al momento, sono incompatibili con i 5 Stelle e con Lega e centrodestra».

 

Il Pd resterà sull’Aventino?

«Il Pd deve stare nel dibattito politico con le sue proposte, altro che Aventino. Qualcosa in queste settimane si è mosso e anche per questo ritengo sia stato un errore rinviare la nostra Assemblea nazionale che non può essere ridotto a una conta. In ogni caso, si può esercitare un ruolo e influenzare le scelte altrui anche stando all’opposizione e non al governo».

 

E se il M55 vi chiede di trattare?

«Le richieste di dialogo vanno sempre accettate, ma l’idea del ‘chiudo un forno e ne apro un altro a mio piacimento’ sono irricevibili. I programmi, tra noi e i 5Stelle, restano distanti. Di certo il Pd deve essere sfidante, sulle priorità per il Paese, e può farlo anche dall’opposizione, come insegna la migliore e più alta tradizione del parlamentarismo».

 

Mattarella, esauriti gli altri tentativi, potrebbe chiedere al Pd di partecipare a un esecutivo di tregua? Cosa rispondere?

«Innanzitutto, parliamo di uno scenario che presuppone che si siano esauriti in modo negativo tutti gli altri tentativi, cioè un governo centrodestra-M5S o di altro tipo. Poi, va presupposto un percorso istituzionale di iniziativa del presidente della Repubblica. Se tutte queste condizioni dovessero verificarsi, ne servirebbe una terza: l’accettazione da parte di tutte le forze politiche in campo dell’appello del presidente alla responsabilità istituzionale. E evidente che, di fronte al Paese, il Pd non potrebbe avere un atteggiamento irresponsabile, ma ripeto tutti i partiti dovrebbero dimostrare altrettanto senso di responsabilità».

 

Veniamo al Pd. Che fare?

«Il Pd deve fare una seria riflessione e analisi sulle ragioni della sua sconfitta elettorale e capire da dove può ripartire. Serve un nuovo segretario e un congresso, dopo un periodo di transizione, ma non affidando la soluzione a una ‘gazebata’ che, in questa fase, non scioglierebbe alcun nodo. Il Pd elegga un segretario in Assemblea e vada in tempi ragionevoli a un congresso con una gestione davvero collegiale, una concezione del partito come comunità, una visione che metta al centro la politica che non si esaurisce nel governo».

L’articolo Rossomando: “Vincitori paralizzati dai loro veti incrociati, il PD torni nel dibattito” proviene da Partito Democratico.

Source: Partito Democratico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *