Reddito di cittadinanza: Inaccettabile l’allarmismo di unimpresa sul lavoro nero (11-01-2019)

By | gennaio 11, 2019

Reddito di cittadinanza: Inaccettabile l’allarmismo di unimpresa sul lavoro nero (11-01-2019)
“Che ci siano truffe o falsificazioni non è certo un buon motivo per bloccare una misura come il reddito di cittadinanza che è a sostegno degli italiani in difficoltà. Eppure c’è chi come Unimpresa continua a fare allarmismo mettendo in correlazione reddito e lavoro nero e cercando così di screditare il nostro provvedimento che è per la dignità delle persone”. È quanto afferma in una nota il portavoce del MoVimento 5 Stelle Davide Tripiedi, vice presidente della commissione Lavoro alla Camera dei deputati.
lavoro nero.jpg
“Noi lotteremo sempre contro il lavoro nero e faremo in modo che chi cercherà di avere il reddito mentre lavora in maniera irregolare, truffando quindi lo Stato, sia punito in maniera esemplare, anche con il carcere fino a sei anni se sarà necessario”, continua il deputato.
“Il reddito di cittadinanza è un provvedimento che darà la possibilità di aiutare chi vive sotto la soglia di povertà e punterà a far tornare a lavorare le persone. Il ministro Luigi Di Maio ha parlato di sgravi fino a 18 mesi per le aziende che assumono. Le massime agevolazioni sul costo del lavoro arriveranno anche prima se i percettori del reddito entreranno in azienda per programmi di formazione. Sono queste le notizie che un organo che dice di rappresentare le imprese come Unimpresa dovrebbe diffondere”, conclude Tripiedi.
Source: Movimento5stelle – parlamento

One thought on “Reddito di cittadinanza: Inaccettabile l’allarmismo di unimpresa sul lavoro nero (11-01-2019)

  1. Toshiko Ledermann

    I’ve been browsing online more than three hours as of late, yet I never discovered any fascinating article like yours. It¡¦s pretty worth enough for me. In my view, if all website owners and bloggers made excellent content material as you probably did, the net can be a lot more useful than ever before.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *